Märklin 36628

Recensione inserita da: Luigi Ferraris

Dati del modello
Produttore : Marklin
Nr. Articolo : 36628
Categoria : Digitale MM
Anno d’acquisto: 2016
Prezzo pagato: 162
Nuovo/Usato ? Nuovo

Dati del prototipo
Epoca Epoca VI – 2006-oggi
Nr. servizio E 483 018
Rodiggio Bo'Bo'
Alimentazione Elettrica

Descrizione personale
La Oceanogate E 483 018 appartiene alla grande famiglia TRAXX di Bombardier, più precisamente è una F140 DC-E 483 che, in chiaro, significa che è per servizi merci, arriva a 140 km/h ed è equipaggiata unicamente per la circolazione sotto i 3 kV in corrente continua.
Le E 483 sono costruite nello storico stabilimento di Vado Ligure, principalmente per il mercato italiano e spagnolo.
In particolare la 018 fa parte della prima commessa di 20 macchine effettuata da Angel Trains Cargo (ATC), di proprietà della Royal Bank of Scotland, che ha poi dato in leasing la macchina, prima alla Arenaways anni 2010-11 e, dopo il fallimento della società, alla Oceanogate, impresa costituita tra gruppo Sogemar/Contship e le Ferrovie Emilia Romagna per collegare i porti del Mediterraneo con i poli logistici del nord Italia del gruppo Contship.
La 018 ha assunto quindi una livrea identificativa del gruppo con una prevalenza di colore da “Pantera Rosa” che stona con il giallo dei container MSC.

Valutazione personale
Dettagli buoni
Velocità al minimo molto buona
Forza di trazione buona
Sensibilità al deragliamento buona
Funzioni digitali buona
Suoni molto buona
Giudizio complessivo buona

Giudizio complessivo
La loco è una mfx ed appartiene alla serie “Start Up”, pensata quindi per essere presa in mano e gestita anche da un ragazzino; ha telaio e sovrastruttura in metallo, motore valido ma non al “top”, molti effetti sonori ed un prezzo di catalogo di € 199,99.
Della livrea “particolare” ho già detto, sui dettagli, come al solito, non mi pronuncio.
La fluidità di marcia alla prima tacca è costante e continua anche se il minimo della loco, penso per il motore che monta, corrisponde alla quarta tacca di altre con motori più "performanti".
La forza di trazione è buona ed in salita, con convoglio di prova, spunta tempi nella media.
In piano, anche alla massima velocità, su tracciato di raggio R1 con curve e controcurve, non ci sono problemi. Invece al culmine del percorso in salita, sempre a velocità massima, dove occorre passare per tre deviatoi in sequenza, avviene lo sviamento del primo vagone del convoglio di prova. Forse il fatto è causato dalla lunghezza della loco; vedrò cosa succede ad altri modelli di pari lunghezza.
Buone e quasi complete, almeno per CS2, le funzioni digitali, molto validi i suoni, tranne qualcuno un po’ troppo alto; anche lo stridore dei freni si sente ad impostazioni di fabbrica.
Il giudizio complessivo è di una macchina valida venduta, in aggiunta, ad un prezzo conveniente.