Ben arrivato! Ti prego fare login o registrati per fruire di tutte le funzionalità del forum.

Piccola storia degli imballaggi Marklin

Le novità e gli aggiornamenti sul forum e/o sul sito
Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
Admin
Amministratore forum
Messaggi: 11240
Iscritto il: 1 novembre 2005, 22:05
Nome: Tito Myhre
Località: Lombardia,Milano,Arese
Stato: Non connesso
Contatta:

Piccola storia degli imballaggi Marklin

#1 Messaggio da Admin » 27 dicembre 2012, 14:42

Roberto Fortini ci ha fornito i risultati di una sua ricerca sulla storia degli imballaggi Marklin
http://www.3rotaie.it/3r_Documenti/Box/Storia.htm

se avete suggerimenti, obbiezioni, integrazioni, miglioramenti e/o correzzioni non esitate a contribuire [:D]

Grazie a Roberto

Avatar utente
eroncelli
Märklinista
Messaggi: 5119
Iscritto il: 27 aprile 2008, 14:42
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Stato: Non connesso

#2 Messaggio da eroncelli » 27 dicembre 2012, 17:17

Interessantissima carrellata di confezioni: al momento non so aggiungere nulla, ma mi ha incuriosito e andrò a fare un poco di controlli sulle mie scatole

Avatar utente
luigi saverio
Märklinista
Messaggi: 6991
Iscritto il: 29 dicembre 2005, 22:05
Nome: Luigi
Località: Lombardia Milano
Stato: Non connesso

#3 Messaggio da luigi saverio » 27 dicembre 2012, 17:36

Grazie del contributo, molto ordinato.

Però, a proposito delle classiche confezioni scatola bianca = analogico, scatola grigia = digitale, c'è una inversione fra le due ultime caselle del "Packaging locomotive".

Per spiegarmi, dal 1984/5 sono iniziate le versioni con disegno tecnico per entrambi i tipi (il grigio del digitale i primi tempi era più scuro dell'attuale, non so fino a che anno ciò è stato mantenuto).

Negli ultimi anni, sparito l'analogico e la relativa scatola bianca, hanno mantenuto per qualche tempo l' illustrazione tecnica, per poi "decadere" verso le odierne anonime scatole unificate (standard dimensionale, a volte si ricorre al trucco del polistirolo inserito se c'è da colmare la differente lunghezza), con finestrella, ovviamente senza disegno tecnico, ma con la scritta "tradizione, qualità,...ecc.".

Se mai è a queste che si deve riferire la frase appena sopra la BR 212:
"Nuovo tipo di pacchetto dalla fine del 2005!"

Spero di essere stato abbastanza chiaro.

Avatar utente
roberto_fortini
New Märklin Supporter
Messaggi: 9
Iscritto il: 23 maggio 2011, 6:45
Località: Toscana
Stato: Non connesso

#4 Messaggio da roberto_fortini » 27 dicembre 2012, 17:45

Grazie luigi saverio dire tue precisazioni farò tesoro di quanto hai scritto e di quanto spero scriveranno tutti gli altri iscritti
Sarebbe fantastico poter trovare una karton replika della 3015 (ma non solo....) e conoscere la data stampata all'interno.
Questo ci aiuterebbe tutti....
Rof

Avatar utente
Dampflok
Märklinista
Messaggi: 7493
Iscritto il: 26 novembre 2005, 21:13
Nome: Roberto
Località: Lazio,RM,Roma
Stato: Non connesso

#5 Messaggio da Dampflok » 27 dicembre 2012, 18:03

Sono d'accordo con Luigi, nel 84/85 quel tipo di scatola era ancora di là da venire........
A quello che mi ricordo io disegno tecnico, scatola bianca analogico/delta scatola grigia digitale.

Roberto

Avatar utente
max57
Märklin Supporter
Messaggi: 281
Iscritto il: 16 gennaio 2006, 21:25
Nome: Massimo
Località: Modena
Stato: Non connesso

#6 Messaggio da max57 » 28 dicembre 2012, 8:30

La scatola grigie delle prime locomotive digitali del 36xx è questa:



<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 469,11 KB</font id="size1">

e non quella rappresentata.

Massimo

Avatar utente
roberto_fortini
New Märklin Supporter
Messaggi: 9
Iscritto il: 23 maggio 2011, 6:45
Località: Toscana
Stato: Non connesso

#7 Messaggio da roberto_fortini » 28 dicembre 2012, 22:23

Qualcuno è in possesso di una scatola replica degli anni '60?

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5577
Iscritto il: 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Stato: Non connesso

#8 Messaggio da fumettino » 28 dicembre 2012, 23:40

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">roberto_fortini ha scritto: </font id="red"> - Qualcuno è in possesso di una scatola replica degli anni '60? </span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

- Immagino tu stia cercando la scatola di una loko. In quel caso non ne ho, non ho mai acquistato una loko senza il suo vestito. Se invece intendi la scatola di un carro posso guardare, ne ho tante del noto 'gioielliere'...
- Interessante la tua ricerca condotta sui cartoni...

MA QUANTO ME PIACE DE CHIACCHIERA' - Maurizio Roma

Avatar utente
luigi saverio
Märklinista
Messaggi: 6991
Iscritto il: 29 dicembre 2005, 22:05
Nome: Luigi
Località: Lombardia Milano
Stato: Non connesso

#9 Messaggio da luigi saverio » 29 dicembre 2012, 5:52

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">roberto_fortini ha scritto: </font id="red">

Qualcuno è in possesso di una scatola replica degli anni '60?
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

Potresti essere un po' più preciso sul tipo di richiesta?

Avatar utente
Admin
Amministratore forum
Messaggi: 11240
Iscritto il: 1 novembre 2005, 22:05
Nome: Tito Myhre
Località: Lombardia,Milano,Arese
Stato: Non connesso
Contatta:

#10 Messaggio da Admin » 29 dicembre 2012, 9:12

ne ho una, ma cosa serve sapere?

Avatar utente
roberto_fortini
New Märklin Supporter
Messaggi: 9
Iscritto il: 23 maggio 2011, 6:45
Località: Toscana
Stato: Non connesso

#11 Messaggio da roberto_fortini » 30 dicembre 2012, 12:38

salve a tutti

3 cose; la prima per dovere di cronaca: l'amico Massimo (www.worldmax.it) mi ha scritto privatamente: "le scatole serie 3000 con finestrella sono senza date e codici, forse dovresti aggiungerlo. Non chiaro: modello di collo 4D per le locomotive digitali 1984-1985 simili al Tipo 4, solo grigio con la parola "Märklin Digital" (non raffigurato). Nella sexione scatole dal 74 - Scatole vagoni : oltre a quelle rosse c’erano anche quelle grigie/nocciola chiaro, nel periodo pre-post war
"
la seconda: mi interesserebbe conoscere i codici riportati all'interno delle scatole-replica dei vari modelli disponibili; questo potrebbe aiutare nell'individuazione di scatole contraffatte ed invecchiate artificialmente. In caso di dubbio, la conoscenza del codice interno aiuta a prevenire il rischio di raggiri. Caso diverso se uno acquista consapevolmente una scatola replica....come ad esempio potete vedere clickando su http://www.ebay.it/sch/agra.lucamarkl/m ... d30&_sop=1 , vi è una grossa offerta di scatole-replica relative ai modelli 3015, 3045, 3046, 3035, 3014, 3012, 3013, 3019, 3030, 3024, 3059, 3066, 3067, 3068, 3073 oltre ad innumerevoli foglietti illustrativi

Avatar utente
roberto_fortini
New Märklin Supporter
Messaggi: 9
Iscritto il: 23 maggio 2011, 6:45
Località: Toscana
Stato: Non connesso

#12 Messaggio da roberto_fortini » 30 dicembre 2012, 13:54

fermi tutti....non mi serve più niente, almeno al momento

ecco le principali date stampate all'interno dei box-replica e dei relativi foglietti illustrativi replicati

e con quanto segue, spero di aver dato un significativo contributo alla definizione del problema (semmai lo sia) delle Kartons- Replika

Marklin HO 3045 Scatola replica, datata 01 64
Marklin HO 3015 COCCODRILLO Scatola replica, datata 02 63
Marklin HO 3046 Scatola replica, datata 01 64
Marklin HO 3035 Scatola replica, datata 02 61
Marklin HO 3014 Scatola replica, datata 02 61
Marklin HO 3012 Scatola replica, datata 03 59
Marklin HO 3013 Scatola replica, datata 03 59
Marklin HO 3013 Scatola replica scorrevole, datata 03 58
Marklin HO 3019 Scatola replica, datata 03 59
Marklin HO 3030 Scatola replica, datata 03 59
Marklin HO 3024 Scatola replica, datata 03 59
Marklin HO 3059 CAPITOLE Scatola replica, datata 02 63
Marklin HO 3066 Scatola replica, datata 07 66
Marklin HO 3067 Scatola replica, datata 07 66
Marklin HO 3073 Scatola replica, datata 02 67


Marklin HO 3011-3012-3013–3014 libretto istruzioni replica, datato 10 57
Marklin HO 3012-3013-3014 libretto istruzioni replica, datato 02 64
Marklin HO 3015 libretto istruzioni replica, datato 02 64
Marklin HO 3019 – 3030 libretto istruzioni replica, datato 05 57
Marklin HO 3024 libretto istruzioni replica, datato 04 58
Marklin HO 3034-3035–3036-3037-3038-3039-3040-3059 libretto istruzioni replica
Marklin HO 3045 – 3046 libretto istruzioni replica, datato 01 67
Marklin HO 3073 libretto istruzioni replica, datato 06 67
Marklin HO 3066 – 3067 – 3068 libretto istruzioni replica, datato 03 65
Marklin HO HR800 – SK800 libretto istruzioni replica, datato 03 50
Marklin HO TM800 – RM800 - RSM800 libretto istruzioni replica, datato 05 51
Marklin HO G800 libretto istruzioni replica, datato 02 51
Marklin HO TP800 libretto istruzioni replica, datato 11 49
Marklin HO TT800 libretto istruzioni replica, datato 12 51
Marklin HO MS800 libretto istruzioni replica, datato 04 51
Marklin HO MS800 libretto istruzioni replica, datato 04 49
Marklin HO RS800N – ES800 libretto istruzioni replica, datato 03 48
Marklin HO ST800 libretto istruzioni replica, datato 10 51
Marklin HO ST800 libretto istruzioni replica, datato 02 56
Marklin HO DL800 libretto istruzioni replica, datato 03 55
Marklin HO TT800 libretto istruzioni replica, datato 03 55

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5577
Iscritto il: 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Stato: Non connesso

#13 Messaggio da fumettino » 30 dicembre 2012, 14:46

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">roberto_fortini ha scritto: </font id="red"> - ...questo potrebbe aiutare nell'individuazione di scatole contraffatte ed invecchiate artificialmente. </span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

- Ottimo impegno anche se personalmente una scatola replica la "fiuto" al solo vedermela passare davanti e maggiormente al momento del toccarla con mano. Il cartone, il colore, la trama del retino, la fustellatura, l'odore... tutte cose che non si possono contraffare. Capisco che ci vuole un po' di "naso" ma una leggera esperienza e il giochino è scoperto e... <i>Tana per la replica!</i>

MA QUANTO ME PIACE DE CHIACCHIERA' - Maurizio Roma

Avatar utente
roberto_fortini
New Märklin Supporter
Messaggi: 9
Iscritto il: 23 maggio 2011, 6:45
Località: Toscana
Stato: Non connesso

#14 Messaggio da roberto_fortini » 30 dicembre 2012, 19:33

Caro Maurizio, capisco dalle tue parole che non acquisti in rete.....altrimenti da foto spesso di qualita' non eccelsa e' difficile fiutare il tarocco. In toscana non ci sono negozi o fiere significative e un ebayer puo' tutelarsi solo con una profonda conoscenza tecnica del prodotto a partire dall' imballagio.
Poiche' ho perso acquisti interessanti in rete a causa di una scarsa conoscenza di certe problematiche ho deciso di studiare ed approfondirle al fine di tutelarmi. Avendo raggiunto un certo livello ho ritenuto giusto condividere le info raccolte con chi non avendo sufficiente esperienza maturata potrebbe cadere vittima di raggiri....
Comunque con oggi chiudo il lavoro.
Ciao. Rof

Avatar utente
eroncelli
Märklinista
Messaggi: 5119
Iscritto il: 27 aprile 2008, 14:42
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Stato: Non connesso

#15 Messaggio da eroncelli » 30 dicembre 2012, 20:25

Adesso abbiamo anche da capire il fenomeno delle "risposte" replica [:I][:I]

Roberto controlla il tuo PC (anzi, cancella le copie)

Però la tua ricerca è molto, ma molto utile ed interessante

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5577
Iscritto il: 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Stato: Non connesso

#16 Messaggio da fumettino » 30 dicembre 2012, 22:41

- Dico l'ultima, anche perché sono stato chiamato in causa simpaticamente ben quattro volte!, e la dico che è una cosa venutami in mente or ora.
- Dall'elenco pubblicato prendo ad esempio un loko, quello enunciato per secondo, il <b>Marklin HO 3015 COCCODRILLO Scatola replica, datata 02 63</b> e mi domando: Sicuramente esiste un "originale" con quella data, e con anche tutta la stringa dei suoi bravi numerini che la precedono, in quanto per realizzare la copia è stato scannerizzato il tutto in un solo passaggio.
- Orbene, quel '<i>poveraccio</i>' che per un colpo di 'magna' sfortuna dovesse trovarsi in casa il locomotore in oggetto, un bell'esemplare anche ben valutato sul mercato, <i>e con la sua scatola originale</i> datata proprio <b>"02 63"</b> se la vedrebbe all'improvviso svalutata perché accusato di avere in casa un falso. Oppure, dovendo io acquistare il loko ad esempio in rete e, chiedendo al venditore il codice dell'imballo, lui mi risponde che è una "... 02 63" io che faccio? Gli dico che è una replica e non la voglio? Aivoglia a giurarmi che l'ha acquistata lui personalmente nel 1963 o giù di li... e a quel punto gli devo credere o devo pensare che mi vuole imbrogliare su tutta la linea? E se mi convinco che mi vuole rifilare una scatola falsa per vera, come posso invece credere a tutte le belle caratteristiche che ha enunciato sullo stato del modello? Sai che faccio nel dubbio? Non lo compro! - Forse così facendo io ho perso l'affare e l'eBayer la vendita. Ci abbiamo rimesso in due a causa di quattro cifrette.
- Sinceramente non ci ho pensato molto alle possibili soluzioni o conseguenze, ma così al volo mi pare di trovarmi davanti ad un bel pasticcio. Comunque tenete presente che l'ho pensata e buttata giù proprio come mi è venuta sulla punta delle dita per poterla digitare.
- Ari-buonanno, è ormai questione di ore. <font color="brown"><b><i>E ricordate di non brindare troppo alla mezzanotte del 31</b></i></font id="brown"> che poi dovete tornare a casa dove vi aspettano i piccoli Märklin ansiosi di poter trascorrere lietamente con voi il Nuovo Anno. E vi aspettano in gran forma...

MA QUANTO ME PIACE DE CHIACCHIERA' - Maurizio Roma

Avatar utente
roberto_fortini
New Märklin Supporter
Messaggi: 9
Iscritto il: 23 maggio 2011, 6:45
Località: Toscana
Stato: Non connesso

#17 Messaggio da roberto_fortini » 31 dicembre 2012, 20:30

Caro Maurizio, sarai un grande smaneggione , ma sei pure un polemico della madonna…. D'altra parte devi pur tenere fede al tuo stesso detto e cioè ‘che te piace tanto chiacchera’…..”

Proviamo a fare 2 calcoli insieme

La CCS800 nel 1959 si trasforma in 3015, e come tale viene prodotta in varie versioni sino al 1975, ovvero per ben 16 anni

Se ne trovassi una in vendita i casi sarebbero 2 :

- O non ha scatola (e quindi non si presenta alcun problema )
oppure
- ce l’ha ....

Se l'oggetto del mio desiderio ne possiede una allora per prima cosa verifico il possibile anno di produzione tramite il Koll’s

Il Koll’s indica 2 periodi di produzione:
.10 dal 1959 al 1965
.11 dal 1965 al 1975

Dopo l’esame la scatola può risultare :

- coerente al periodo,
oppure
- non esserlo.

Se è coerente può essere sottoserie .10 o .11

- In caso di .11 : il problema non si pone ed abbiamo così eliminato 10 anni di produzione ( e di problema)

- In caso di serie .10 la scatola può essere :

- originale
oppure
- no

Intanto l'area di rischio reale si è ridotta ad esemplari relativi a circa 1/3 della vita commerciale della 3015.

Esaminiamo perciò la scatola:

- se la data stampigliata è diversa, allora non si pone alcun problema

- se la scatola riporta stampigliati i codici 0263, ovvero relativi alla scatola prodotta nel mese di febbraio 1963 esiste un rischio di tarocco

facciamo 2 calcoli molto (ma proprio molto!) grossolani : 16 anni per 12 mesi fanno 192 mesi di produzione di un modello .
Come acquirente avrei una probabilità teorica di trovare un articolo imballato in una scatola prodotta nel febbraio del 1963 pari a 1/192 del periodo di produzione.
Poiché vi sono un sacco di variabili, anche se ridimensiono il rischio di almeno 2/3 (due terzi….mica poco!) la probabilità di incappare proprio in un articolo ed in una scatola di quel periodo resta sempre alta, diciamo all’incirca di 1 su 64. (trovarne una a casa mia si chiamerebbe 'sfiga' )

Il Koll’s 2012 indica in 570 euro il prezzo di una loko 3015 prodotta in quel range temporale.
Prima di sborsare dalle 550 alle 630 euro per un modello di quell’epoca (che per me sono MOLTISSIMI!), se inciampassi in una scatola marcata 0263 allora mi porrei alcune questioni:

Ipotizzando che vi siano moltissime scatole originali in circolazione la probabilità di trovare un falso resta però - e purtroppo - tecnicamente alta : devi ammettere che trovare una scatola marcata 0263 su un articolo prodotto per 16 anni deve almeno indurre a maggiore cautela e buon senso nella conduzione della trattativa.

In quello specifico caso, verificherei bene anche il foglietto illustrativo, ove presente, e poi , chiarite le mie ragioni al venditore, magari in ottima fede, deciderei di offrire un importo decurtato di almeno una cinquantina di euro, oppure chiederei foto molto dettagliate della scatola, oltre che – come si usa fare – del modello in trattativa.

E adesso, caro e bravissimo Maurizio, 'passo e chiudo', nel senso che ….passo e chiudo, definitivamente, la simpatica 'querelle' !

Spero un giorno di conoscerti....e nell'attesa..... Buon 2013 a te e a tutti i Marklinisti

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5577
Iscritto il: 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Stato: Non connesso

#18 Messaggio da fumettino » 1 gennaio 2013, 11:31

- Innanzitutto grazie per gli auguri che ricambio e altri due pensieri sulle 'scatole' dove però in questo caso non posso fare esempi di 'loko' ma solo di 'trainati' - Per quanto riguarda poi il rapporto fra scatole, libretti, certificati di garanzia, esplosi e stampati vari, e ognuno rinvenibile con la sua data, teniamo presente che uno stampato si esegue in tale quantità che può anche durare a lungo nel tempo e ogni 'pezzo' può finire prima degli altri. Difficile dire chi è nato prima e chi dopo quando il modello viene poi confezionato per la spedizione/vendita dalla Märklin stessa. Comunque è certo una indicazione di massima. Sul Forum siamo stati sempre concordi a non dare mai troppa importanza alle date scatola/stampati, per stabilire la nascita di un modello, anche perché si può fare il 'gioco delle tre carte' e una cosa, specialmente fra l'usato, può infilarsi in un 'sarcofago' che non è il suo ma del vicino. Si 'distrugge' per un motivo qualsiasi una loko, io stesso ho pezzi di un CCS.800, e la scatola si ricicla, mica si butta - E li chiaramente casca l'asino, le varianti sul tema possono essere infinite.
- Per l'esempio al quale facevo riferimento all'inizio, quello sui trainati, butto la che i miei 41 carri FS modello 4550, ok ci tolgo gli 11 pezzi 4950 e pertanto ne rimangono solo 30, hanno scatole datate nell'arco di dodici anni ovvero 1961, 63, 66, 71, 72, 73 - Li tiro tutti fuori e ci faccio un bel convoglio. Una volta stufato del monotono giochino rimetto tutto nelle scatole e ripongo. Il primo carro che prendo in mano lo infilo nella prima scatola che mi capita a tiro. E' giusto? Non lo saprò mai... potrebbe essere un pezzo nato nel 1961 e l'ho infilato nel vestito del 1970. Non ci piove! Non se ne accorgerà mai nessuno!
- Siccome però io con i vagoncini FS ci devo giocare e farli camminare, e le scatole, non avendo ruote, mi servono solo per riporli a giochi fatti, dove lo ripongo lo ripongo e son contento. Chiaro che questo discorso non lo posso applicare alle loko perchè solo in un caso ne ho due esemplari uguali e difficilmente potrei invertire gli oggetti nel riporli.
- Finale: Se poi ho un antico carro senza scatola, ma l'ho fatto anche per due loko, non sto neppure a pensare alla replica... me la faccio direttamente da solo e mi viene più resistente dell'originale! In fin dei conti la scatola mi serve a quello, a riparare e preservare il contenuto da possibili infortuni. Gioco col treno, mica con la scatola.
- A mio avviso alla fine è tutta 'accademia' per poter dire che anche oggi ho avuto modo di parlare di treni e... addà passà a jurnata. Domani parlerò di altro.

MA QUANTO ME PIACE DE CHIACCHIERA' - Maurizio Roma

Avatar utente
Snaggletooth
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 2308
Iscritto il: 16 novembre 2007, 11:17
Nome: Roberto Nembrini
Località: Milano
Stato: Non connesso

#19 Messaggio da Snaggletooth » 1 gennaio 2013, 13:53

Interessante discussione, ma tutti questi numeri, questi calcoli probabilistici, questi "mischioni" mi fanno venire il mal di testa e mi riportano alla mente le discussioni tra appassionati di dischi in vinile riguardo la dcodificazione delle matrici stampigliate sulla "dead wax", il loro rapporto con l'anno di stampa e la relazione con la tal copertina...
Senza ovviamente voler sminuire tutta la ricerca, alla fine concordo con Maurizio e parafrasando una celebre canzone di Mina (tanto per restare in tema con quanto da me detto prima) "l'importante e'...giocare".
E di nuovo Auguri a tutti.

Avatar utente
ansemo
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1388
Iscritto il: 17 novembre 2006, 10:36
Stato: Non connesso

#20 Messaggio da ansemo » 2 gennaio 2013, 19:30

Interessante e paziente ricerca, ci sarebbe ancora molto da dire sia sui rotabili con codice alfa-numerico che sugli accessori. Per le scatole ante 1957/'58 senza codici di data è importante il libretto, o, nel caso sopratutto dei vagoni, il tipo e colore dell'etichetta. Anche la tonalità del rosso è diversa in funzione del periodo.
Chi fosse veramente interessato vi è una corposa dissertazione sul Koll's del 1989, forse non difficile da trovare su ebay.
Poi la discussione è un pò sviata sulle scatole replica, e anche in questo caso i pareri non possono essere che discordi.
E' innegabile che un modello con la scatola originale acquisisce valore aggiunto, anche notevole. Ma a volte, specie nel passato, si compravano bellissimi modelli, anche importanti, senza scatola ma a ottimi prezzi. A questo punto che fare? O cercarne uno anche più brutto con la scatola, o...arrangiarsi. Confesso che qualche scatola replica ce l'ho, ma è stata una scelta consapevole, conscio dei limiti che può portare all'oggetto. L'importante è non comprare una scatola replica per buona, ma come dice fumettino, con un pò di esperienza non è difficile da riconoscere. Devo dire che anche su ebay ormai le "fiuto", dando atto che la maggior parte dei venditori lo dice, ma non tutti. Un esempio che vale da monito: è quasi impossibile che siano originali le scatole dei famosi vagoni cisterna svedesi 4525-4526-4527-4528 (anche i vagoni!!!!!). Il codice sul lembo scatola è indicativo, ma non probatorio, le scatole non venivano stampate tutti gli anni, ma, purtroppo, non vi è documentazione in merito sulle quantità e sulle frequenze temporali. Comunque so per certo che il "produttore" italiano consegna in Germania centinaia di scatole, a riprova di un fiorente mercato. D'altronde anche il link di ebay sopra riportato si riferisce a scatole del "noto gioielliere"...mi domando in quanti ci guadagnano con queste replica?

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5577
Iscritto il: 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Stato: Non connesso

#21 Messaggio da fumettino » 2 gennaio 2013, 20:43

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">ansemo ha scritto: </font id="red"> - ... Comunque so per certo che il "produttore" italiano consegna in Germania centinaia di scatole,... </span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

- Penultima sul riconoscimento delle <b>scatole replica</b> per i carri/carrozze: L'assemblaggio della scatola è eseguita mediante una striscia di "<font color="brown"><b>biadesivo</b></font id="brown">" e non con colla liquida come le classiche da qualsiasi fabbricante provengano, <i>alimentari e/o dentifrici</i> compresi.

MA QUANTO ME PIACE DE CHIACCHIERA' - Maurizio Roma

Avatar utente
Admin
Amministratore forum
Messaggi: 11240
Iscritto il: 1 novembre 2005, 22:05
Nome: Tito Myhre
Località: Lombardia,Milano,Arese
Stato: Non connesso
Contatta:

#22 Messaggio da Admin » 10 gennaio 2013, 1:08

Aggiornata la pagina [;)] http://www.3rotaie.it/3r_Documenti/Box/Storia.htm Grazie Roberto

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5577
Iscritto il: 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Stato: Non connesso

#23 Messaggio da fumettino » 10 gennaio 2013, 11:51

- Leggendo con più attenzione, e come già detto, <i>interessante</i> storia degli imballaggi del materiale Märklin, mi è venuta da notare una inesattezza che di seguito illustro.
- Ad un certo punto del testo la didascalia di un'immagine, quella che allego, dice, con caratteri anche evidenziati, che...

<center>
Immagine
</center>

<b>... le scatole serie 3000 con finestrella sono senza data e codici (fonte: Massimo www.wordmax.it)</b>

<font size="1">- Non entro nel merito, ma dico solo per informazione, che oggi è impensabile che uno stampato qualsiasi possa lasciare un'Industria Tipografica "senza" il suo codice indispensabile sia per poterlo 'fatturare' sia 'identificare' nel tempo e sia per poter 'rintracciare' i suoi file/pellicole/lastre necessarie ad una eventuale ristampa. Non intendo dire con questo uno stampato eseguito dal tipografo sotto casa, parlo del prodotto edito appunto da una Industria anche classificabile di 'livello' poco più che accettabile. Pertanto un 'codice' oggi ci deve essere per forza, sempre e non si scappa. </font id="size1"> - Pertanto...

- ...andando a caccia dei codici su quelle confezioni bleu con la finestrella, lo si può scovare, non tanto facilmente come sulle altre, ma c'è e sta in una piega della scatola. Un' immagine chiarisce forse meglio la posizione dove reperirlo. Eccola...

<center>
Immagine
</center>

- Ok, tutto qua, non volevo dire altro. Solo un piccolo contributo alla 'storia delle scatole' per poter un domani dire... <i>io c'ero!</i>

MA QUANTO ME PIACE DE CHIACCHIERA' - Maurizio Roma

Avatar utente
eroncelli
Märklinista
Messaggi: 5119
Iscritto il: 27 aprile 2008, 14:42
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Stato: Non connesso

#24 Messaggio da eroncelli » 10 gennaio 2013, 12:16

Vedendo la foto di Maurizio, mi viene in mente un altro dettaglio, che potrebbe essere utile: la "fustellatura", cioè le piccole impronte per piegare il cartoncino, è leggermente cambiata negli ultimi anni.
Ad esempio proprio nella foto suddetta, ce ne è una con piccole incisioni (per la piega interna) che, su scatole replica, potrebbe non essere eseguita nello stesso modo.
Solo un'idea, perché non seguo le scatole "originali" e quindi non ho un'esperienza diretta.

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5577
Iscritto il: 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Stato: Non connesso

#25 Messaggio da fumettino » 10 gennaio 2013, 12:45

- La "cordonatura" che si può notare sulla foto eseguita sui tre lati diciamo in colore bleu, non permette una esatta piega in "sovrapposizione" ma lascia un certo "arrotondamento" sullo spigolo risultante. Invece la "fustellatura a pettine" permette una piega più "sentita" e pertanto più "netta, precisa, facile da ottenere e meno ingombrante" come necessariamente deve essere per una sovrapposizione che sarà interna e dove il "tratteggio" del taglio non risulterà essere in vista per disturbare la visione del prodotto finito.

MA QUANTO ME PIACE DE CHIACCHIERA' - Maurizio Roma

Rispondi