Ben arrivato! Fate login o registratevi per fruire di tutte le funzionalità del forum e del sito.
Se eri già registrato e non ti ricordi la password usa questo link per recuperare l'accesso
Sito e forum dedicati al fermodellismo a tre rotaie gestito da appassionati senza fini commerciali. Qui trovate notizie storiche e suggerimenti tecnici per i vostri modelli vintage e moderni. Il nostro hobby viene praticato in molte maniere diverse, tutte ugualmente valide: hai un plastico? oppure sei un collezionista? oppure un semplice appassionato? Non esitare a scrivere nel forum, tutti gli interventi sono benvenuti ... Postate foto e video del vostro plastico e chiedete aiuto per ogni problema o curiosità inerente al nostro hobby.

Tre rotaie: segnale a pacchetti con dati seriali.

Software & Delta - Digital - System mfx

Moderatori: Dampflok, Schnellzug

Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
Sergio Boaro
New Märklin Supporter
Messaggi: 52
Iscritto il: 3 agosto 2014, 11:35
Argomenti: 0
Nome: Sergio Boaro
Località: Friuli-Venezia Giulia Prov. Udine
Hai ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0
Stato: Non connesso

Tre rotaie: segnale a pacchetti con dati seriali.

#1 Messaggio da Sergio Boaro » 5 maggio 2019, 10:05

Buongiorno a tutti, con un oscilloscopio digitale ho voluto esaminare il segnale fornito dalla CS2 ai binari : all'atto dell'accensione, quando tutto è fermo il segnale che si presenta è a pacchetti a lunghezza variabile, ogni pacchetto contiene un certo numero di bit destinato sia alle varie funzioni sonore che alla gestione della velocità della locomotiva. I valori riscontrati sono: tensione picco-picco 40V , tensione valore massimo o di picco 20V , tensione RMS o efficace 19,2V, frequenza del segnale che varia tra un valore minimo di circa 1,1KHz a un valore massimo di circa 7,2KHz. Questo segnale permane anche quando si azionano una o più locomotive e si attivavano le funzioni sonore: ovviamente c'è una variazione dei dati o bit per ottenere la funzione desiderata. Il segnale è bipolare cioè la tensione varia tra un valore positivo di +20V e un valore negativo di -20V. C'è da notare anche una lieve variazione della tensione picco-picco all'aumentare della velocità della locomotiva che varia da un minimo di 39,60V a un massimo di 42V . Da ciò si può dire che il segnale sui binari non è in PWM come si poteva ipotizzare in un primo momento, che la trasmissione tra CS2 e decoder della locomotiva avviene con una tecnica digitale che si può anche immaginare avendo però almeno uno schema a blocchi del decoder in questione. Con questo un saluto a tutti :ciao:
Sergio Boaro

Rispondi