Binari 00 da portare all'originale splendore

Moderatori: Dampflok, Schnellzug

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Binari 00 da portare all'originale splendore

Messaggio da leggereda electrro30 » sabato 1 agosto 2009, 21:06

Ciao a tutti, in attesa di poter iniziare a montare il mio layout stile anni 30 vorrei riportare a nuovo i mie binari M 00. Molti di essi presentatano sulla massicciata una patina scura ed opaca dovuta: al tempo, grasso ecc ecc.
Da folle ho fatto la prova su un elemento dritto con batuffolo ed alcool con il risultato di eliminare parte della vernice marrone.
Se avete un metodo per riportare allo stato originale di lucentezza non aggressivo ve ne sarei molto grato
Pierpaolo

P.s. Domani cerchero' di mettere qualche foto se mi dite come scattare un file leggero con la mia piccola Panasonic

parispalermo
Märklinista
Messaggi: 5108
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 17:27
Località: Sicilia
Contatta:

Messaggio da leggereda parispalermo » sabato 1 agosto 2009, 22:26

ti consiglio semplicemente il prodotto per pulire i piatti o metterli dentro il lavapiatti. Tutti altri prodotti hanno tendenza a rovinare la pittura o a renderla opaca. Personalmente uso la Lessive St Marc, però si trova solo in Francia, è un detergente in polvere fra la polvere per pulire i vestiti e il prodotto per pulire i piatti però non fa bolle. Asciugare subito altrimenti c'è rischio di ruggine.

Avatar utente
Admin
Amministratore forum
Messaggi: 11588
Iscritto il: martedì 1 novembre 2005, 22:05
Nome: Tito Myhre
Località: Lombardia,Milano,Arese
Contatta:

Messaggio da leggereda Admin » sabato 1 agosto 2009, 23:06

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">Messaggio di <font color="red">electrro30</font id="red">

----

P.s. Domani cerchero' di mettere qualche foto se mi dite come scattare un file leggero con la mia piccola Panasonic
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

http://www.3rotaie.net/forum/topic.asp?TOPIC_ID=34

Avatar utente
eroncelli
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 4936
Iscritto il: domenica 27 aprile 2008, 14:42
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Contatta:

Messaggio da leggereda eroncelli » domenica 2 agosto 2009, 7:02

Io uso un detergente per la casa (tipo Cillit Bang) con uno spazzolino da denti.
Una spruzzata con una leggera spazzolata e binari e loco tornano quasi come nuovi (se lo sporco è "difficile" si può lasciare ad inumidire).
Buon Viaggio
Eugenio

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 2 agosto 2009, 11:24

Allego foto alcuni binari 00


<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 81,77 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 72,87 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 91,65 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 91,65 KB</font id="size1">

Avatar utente
sergiob
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 2843
Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 23:30
Nome: Sergio Barale
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da leggereda sergiob » domenica 2 agosto 2009, 11:28

Già si è discusso sulla pulizia, ma per mia esperienza, posso dire che l'alcool è " sempre da evitare" poichè cristallizza le materie plastiche e le rende opache, rovina anche alcune vernici, per cui....[8D][;)].
Come consiglia Eugenio mi sembra la cosa migliore, intanto l'insostituibile "olio di gomito" uno spazzolino ed un leggero detergente.

Buon lavoro

Sergio

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 2 agosto 2009, 11:29

Nella foto n' 02 si vede il mio evidente tentativo ( scempio!!!) fatto con alcool. Ma il cillit bang non e' molto aggressivo?
Nella foto numero 03 e' evidente la differenza tra un elemento molto sporco ed uno in piu' che buone condizioni.
Pierpaolo

Avatar utente
Admin
Amministratore forum
Messaggi: 11588
Iscritto il: martedì 1 novembre 2005, 22:05
Nome: Tito Myhre
Località: Lombardia,Milano,Arese
Contatta:

Messaggio da leggereda Admin » domenica 2 agosto 2009, 11:34

Pur non avendone la certezza credo che un prodotto come il cillit bang possa andare bene, prova sul binario già rovinato [;)]
altra prova (di cui si era già parlato) è l'uso della lavastoviglie [8D]

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 2 agosto 2009, 11:37

Non l'ho la lavastoviglie[:I][:I][:I]

Avatar utente
LucioTS
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 3443
Iscritto il: martedì 19 settembre 2006, 17:11
Nome: Lucio Cavedali
Località: Friuli-Venezia Giulia, Trieste
Contatta:

Messaggio da leggereda LucioTS » domenica 2 agosto 2009, 11:59

I miei binari M, prima di montarli ovviamente, hanno fatto un giro in lavastoviglie con ottimi risultati.
Visto che non hai la lavastoviglie allora armati di pazienza e lavali, con delicatezza, con comune detersivo per piatti.
Asciugali molto bene subito dopo averli lavati.

Ma devi proprio lavarli? Se non hai problemi di altro tipo (contatto elettrico) la patina del tempo rende tutto ancora più bello e ti risparmia la fatica di lavarli [:I]

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 2 agosto 2009, 15:56

Prima della posa definitiva una bella pulita e' d'obbligo.
Acqua calda per il lavaggio e phon per lasciugatura??

Pierpaolo

Avatar utente
sergiob
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 2843
Iscritto il: lunedì 5 febbraio 2007, 23:30
Nome: Sergio Barale
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da leggereda sergiob » domenica 2 agosto 2009, 16:32

Come giustamente dice Tito, fai le prove sul binario "alcolizzato"[;)].
Prova anche con i prodotti tipo spray per i vetri, sempre ricordando che ad innescare un effetto di ossidazione, ruggine, al metallo basta pochissimo tempo, l'importante è non scalfire la patina di vernice.

Sergio

parispalermo
Märklinista
Messaggi: 5108
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 17:27
Località: Sicilia
Contatta:

Messaggio da leggereda parispalermo » domenica 2 agosto 2009, 19:19

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">electrro30 ha scritto: </font id="red">

Non l'ho la lavastoviglie[:I][:I][:I]
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">
Ecco un'ottimo spunto per promuovere il nostro hobby alle nostre donne [:D]

Ettore56
Junior Märklin Supporter
Messaggi: 636
Iscritto il: domenica 10 dicembre 2006, 23:37
Nome: Ettore Mastelloni
Località: Puglia, Taranto
Contatta:

Messaggio da leggereda Ettore56 » domenica 2 agosto 2009, 19:54

Allora Pierpaolo,
la mia breve esperienza consiglia:
lavaggio in acqua tiepida con detergente liquido per piatti e spazzolino morbido.
Pulisco così anche i modelli in plastica acquistati e non proprio puliti (spesso presentano macchie di sporco, aloni, ecc.), per... farli un po' miei![;)]
Naturalmente non lasciare a bagno i pezzi in metallo!!!
Vanno poi asciugati con attenzione, anche con l'aiuto del phon.
Puoi approfittare del grande caldo che c'è da noi, senza... abbronzarli al sole![:I]

Per gli assi delle ruote bene il Cillit Bang, puro, da asciugare per bene. Toglie anche un po' di ruggine. Provare per credere! [:)]

A presto... Ettore

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 2 agosto 2009, 20:22

Grazie, faro' come giustamente consigliato sul binario alcoolizzato e ... speriamo bene.
Il prossimo week end lo dedico al bucato.

Che Calimero sia con me [:D][:D][:D]

Pierpaolo

parispalermo
Märklinista
Messaggi: 5108
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 17:27
Località: Sicilia
Contatta:

Messaggio da leggereda parispalermo » domenica 2 agosto 2009, 20:32

Sinceramente ho provato anch'io questo Cillit Bang su i vecchi binari a 3 vie e la pittura è volata via in certe parti ! Avete provato sui binari antichi o solo sugli M ?? ... secondo me, lo eviterei, è troppo forte.

Callioni Nicola
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 2114
Iscritto il: sabato 10 dicembre 2005, 14:48
Nome: Nicola
Località: Lombardia
Contatta:

Messaggio da leggereda Callioni Nicola » domenica 2 agosto 2009, 20:36

Un informazione visto che ho ritirato un piccolo lotto di binari con la terza rotaia continua come quelli in foto,volevo sapere per togliere invece residui di colla e ghiaetta come potrei fare,visto che ho provato con un cacciavite,ma si rischia molto,visto che sono grumi molto duri.

Avatar utente
eroncelli
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 4936
Iscritto il: domenica 27 aprile 2008, 14:42
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Contatta:

Messaggio da leggereda eroncelli » domenica 2 agosto 2009, 20:45

Io ho provato il cillit ed anche il sapone liquido sugli M e su qualche C di seconda mano (!): ottimo risultato.
Per asciugare, era inverno e ho posto tutto sul calorifero (soprattutto se ci sono parti elettriche: credo che il phon (ma anche il sole) sia adatto (solo che sul calorifero si possono lasciare mentre il phon lo devi tenere).
Per certe colle non c'è molto da fare, salvo usare alcool (o solvente per unghie) con molta, molta attenzione.
Poi ognuno ha la sua esperienza.
Buon Viaggio
Eugenio

parispalermo
Märklinista
Messaggi: 5108
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 17:27
Località: Sicilia
Contatta:

Messaggio da leggereda parispalermo » domenica 2 agosto 2009, 20:55

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">Callioni Nicola ha scritto: </font id="red">

Un informazione visto che ho ritirato un piccolo lotto di binari con la terza rotaia continua come quelli in foto,volevo sapere per togliere invece residui di colla e ghiaetta come potrei fare,visto che ho provato con un cacciavite,ma si rischia molto,visto che sono grumi molto duri.
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">
Ciao Nicola,
spesso compro lotto per pochi euro di "terza rotaie" per sistemare il percorso in terrassa al mare, sono sempre pieno di colle di plastico. Per toglierli le lascio nel acqua calda per 2 -3 ore, visto che spesso è colla tipo Vinavil o similare parte tutto in acqua.

Callioni Nicola
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 2114
Iscritto il: sabato 10 dicembre 2005, 14:48
Nome: Nicola
Località: Lombardia
Contatta:

Messaggio da leggereda Callioni Nicola » lunedì 3 agosto 2009, 14:23

Qunidi li lascio immersi in acqua,e questo non mi rovina la vernice o la conduzione.

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » lunedì 3 agosto 2009, 14:35

Domenica mettero' foto, prima e dopo lavaggio.
Pierpaolo

Avatar utente
Fabio
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1642
Iscritto il: sabato 28 giugno 2008, 21:40
Nome: Fabio
Località: Veneto
Contatta:

Messaggio da leggereda Fabio » lunedì 3 agosto 2009, 16:55

Pierpaolo, un po' di patina non ci sta male...l'importante è la conduzione elettrica...[:D][:D]

Attento comunque con gli scambi, specialmente se elettrici!![:I]

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » lunedì 3 agosto 2009, 17:51

Ovvio che gli scambi non li metto in acqua.

Il diploma di perito elettrotecnico a qualcosa finalmente mi e' servito [:D][:D][:D]

Pierpaolo

livesteam68
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1453
Iscritto il: giovedì 18 ottobre 2007, 13:05
Nome: Daniele Ansaloni
Località: Emilia Romagna, Modena, Modena
Contatta:

Messaggio da leggereda livesteam68 » martedì 4 agosto 2009, 9:18

I binari in foto sono degli anni '50, non degli anni '30 e sono classificati come HO. La differenza tra HO e OO non è nel binario, ma nella scala dei rotabili.
"00", come "HO" sta per "Half Zero", cioè metà della scala 0, come in origine è nata, poi è successo un pastrocchio nella scala tra produttori continentali e oltremanica, che hanno continuato a chiamare 00 treni dove il binario ha lo scartamento di 16,5mm ma i rotabili invece che essere in scala 1:87 erano 1:80 circa.
Per pulire al meglio binari di questo tipo la mia esperienza è questa:
1) se c'è presenza di ossidazione (lieve), tipicamente tra le graffette e il binario, spruzzare WD40, poi con un spazzolino (al max medio) pulire accuratamente nelle zone binario-graffette
2) lavarli accuratamente con una spugna (MAI abrasiva) e sapone liquido o per piatti o per mani
3) asciugarli accuratamente con un phon ad una temperatura calda ma non troppo. Accertarsi che siano asciutti perfettamente
4) un leggero velo di olio di vaselina con uno straccetto morbido sulle rotaie e poiuna bella strofinata generale

Meglio di così non possono venire, e si preserva al 100% l'originalità.

Daniele

Avatar utente
eroncelli
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 4936
Iscritto il: domenica 27 aprile 2008, 14:42
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Contatta:

Messaggio da leggereda eroncelli » martedì 4 agosto 2009, 17:03

Per quanto mi risulta dai cataloghi Marklin:

- Anni 30 solo scala O e I (scartamento 32 e 45 mm)
- nel 1950 c'è già la scala HO (credo dal dopoguerra) ed i binari sono con terza rotaia continua serie 3600
- nel 1954 c'è la rotaia a punti insieme alla 3600 (non è nelle novità quindi è comparsa almeno l'anno precedente); l'anno prima erano comparse le prime 2 loco con mantello in plastica (CE800 e CM800)
- nel 1957 la serie 3600 non è più a catalogo; gli scambi e l'incrocio inglese sono di un tipo diverso da quelli soliti della serie M che diventa definitiva circa 2 anni dopo

Buon viaggio
Eugenio

Avatar utente
Dampflok
Märklinista
Messaggi: 7814
Iscritto il: sabato 26 novembre 2005, 21:13
Nome: Roberto
Località: Lazio,RM,Roma
Contatta:

Messaggio da leggereda Dampflok » martedì 4 agosto 2009, 17:19

Per tornare alla pulitura, tanto tempo fa, c'era un prodotto fattoapposta:
si chiamava "glänzendundglitzerndegleiss" ed era prodotto dalla famosa "Alleeinwitz" GMBH.......ma dubito che sia ancora in commercio[8]

Roberto

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » martedì 4 agosto 2009, 17:44

Il piu' anziano catalogo Marklin che ho del 1957 gia' riportava gli M con punti di contatto della terza rotaia, Ho visto solo foto di cataloghi anni 30 e i famosi binari M a linea continua erano gia' presenti , forse solo negli scambi differivano nella parte centrale dalle produzioni post guerra. Sul pastrocchio della scala dei rotabili non si discute come non si discute che i primi modelli erano in 0 tre rotaie e 1.
Se qualcuno puo' inserire foto della pagina binari catalogo anni 30 spur 00 fa cosa molto gradita.

Grazie per le dritte sul lavaggio
Pierpaolo

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » martedì 4 agosto 2009, 17:49

Binari detti 00 catalogo anni 30 a me senbrano uguali

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 307,57 KB</font id="size1">

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » martedì 4 agosto 2009, 19:54

Mi devo ricredere, sembrano simili. Ho fatto ricerche piu' approndite ed in effetti i binari 00 sono costruiti con un lamierino piu' semplice e con stampa piu' leggera delle traversine. Anche gli attacchi della terza rotaia continua sono diversi. Per concludere anno una costruzione piu' semplice.

Grazie Livesteam68

Pierpaolo

parispalermo
Märklinista
Messaggi: 5108
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 17:27
Località: Sicilia
Contatta:

Messaggio da leggereda parispalermo » martedì 4 agosto 2009, 21:21

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">Dampflok ha scritto: </font id="red">

Per tornare alla pulitura, tanto tempo fa, c'era un prodotto fattoapposta:
si chiamava "glänzendundglitzerndegleiss" ed era prodotto dalla famosa "Alleeinwitz" GMBH.......ma dubito che sia ancora in commercio[8]

Roberto
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">


non sarebbe in più parole ? mi sembra strano fatto cosi, intanto il nome è da morire delle risate per noi francesi (grazie per la risata !) , somiglia troppo l'inizio ...

livesteam68
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1453
Iscritto il: giovedì 18 ottobre 2007, 13:05
Nome: Daniele Ansaloni
Località: Emilia Romagna, Modena, Modena
Contatta:

Messaggio da leggereda livesteam68 » martedì 4 agosto 2009, 22:28

Pierpaolo,

i binari anteguerra si distinguono subito da quelli post perchè hanno le traversine molto più distanziate, circa il doppio. Gli scambi (elettrici) hanno l'elettromagnete esterno e la marmotta può essere o no illuminata.
Nella serie 3600 post invece le bobine non sono a vista: nelle prime serie la copertura è in metallo e sono a singola bobina, nella 2° la copertura è in plastica e sono a doppia bobina.
L'ultimo catalogo in cui è presente la serie 3600 a 3° rotaia è il '56, insieme alla neonata serie standard (i classici M coi punti di contatto) e la serie Modello. Quest'ultima, che non tutti conoscono, è nata come progetto nel '47, è servita per brevettare il sistema dei punti di contatto ed è stata prodotta solo per alcuni anni. Ha curve aad ampio raggio (serie 3800 e 3900), scambi slanciati e traversine in plastica su massicciata in lamierino. Una serie molto elegante e raffinata, peccato ch poi la marklin abbia dirottato tutto sulla serie standard (probabilmente era troppo avanti per quei tempi, a parte il fatto che costava 3 volte tanto)
L'impianto che hai postato temo che sia per i più irrangiungibile (vedi la stazione di Amburgo in 3 pezzi, il "non plus ultra" come la definì la stessa Marklin), ma per stare più coi piedi per terra puoi visitare il sito "www.tischeisenbahn.de", ci sono esempi di impianti vintage come hai intenzione di fare.

Ciao. Daniele

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » mercoledì 5 agosto 2009, 18:22

Caro Daniele, so perfettamente che l'impianto che ho postato e' irraggiungibile, prima per reperibilita' e secondo per le mie finanze. Io mi accontento di fare un plastico stile anni 30, e sottoindendo stile, con materiale anni 50 piu' abbordabile ma senza erba, montagne, casette ecc. cosi' da avvicinarsi agli impianti pre guerra.
Per il materiale rotabile sono ancora indeciso se prendere le 800 o le 3000. Al momento dispongo di locomotori e vetture svizzere di generazione delta e digital che stanno belli e tranquilli in vetrina. Dovendo obbligatoriamente acquistare online e non avendo mai avuto materiale rotabile vintage, vado con i piedi di piombo. Spero di incontrare al piu' presto Ettore che ha molta piu' esperienza di me in riguardo cosi' da evere un quadro preciso sul da farsi.
Saluti a tutti

Pierpaolo

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » mercoledì 5 agosto 2009, 21:05

Daniele il sito che mi hai segnalato e' la meraviglia delle meraviglie.
Ma queste cose si vedono solo in Germania purtroppo [:(][:(][:(]

Pierpaolo

livesteam68
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1453
Iscritto il: giovedì 18 ottobre 2007, 13:05
Nome: Daniele Ansaloni
Località: Emilia Romagna, Modena, Modena
Contatta:

Messaggio da leggereda livesteam68 » mercoledì 5 agosto 2009, 22:13

Anch'io ho cominciato il progetto di un impianto Marklin che non prevede paesaggio, d'altra parte se si usa materiale vintage e un po' tutti gli accessori del caso, alberi, erba e casette possono essere superflui, al più qualche albero e solo quelli non guastano.
Ho scelto per la prima parte di questo impianto di orientarmi su materiale dalla fine degli anni '40 al '56, con binari a terza rotaia continua che, almeno per me, è la vera epoca d'oro del marklin HO. Certo, se si vuole fare un impianto con dimensioni importanti e completo di accessori la cosa diventa impegnativa, ma se le dimensioni sono contenute e non si esagera è un tipo di materiale che ancora si trova abbastanza bene e in buone condizioni. Il vantaggio, rispetto a materiale anni '30 dove trovi quello che trovi, è che puoi fare un impianto perfettamente vintage, ma è un vintage più raffinato e più completo, meno giocattolo di latta del materiale anteguerra.
Inoltre sono molti i modelli anche abbastanza recenti che fanno la loro figura su questi binari.
Poi non mi accanirei nella diatriba tra serie 800 e 3000, è un falso problema.
Un 3015, il coccodrillo, è una macchina splendida anche se non è un ccs800 (l'ultimo ccs800 è assolutamente identico al primo 3015), l'importante è prendere ciò che piace quando il modello merita. Purtroppo nel vintage sono molti i maneggioni e i furbetti del quartierino, di gente che racconta la favola del lupo. Occorre pertanto andare coi piedi di piombo e non farsi prendere da facili entusiasmi.

Daniele

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » giovedì 6 agosto 2009, 18:28

Concordo pienamente con te sul modo di costruire il layout. Per gli scambi 00 sarebbe meglio acquistare quelli manuali al posto degli elettrici?? Se si brucia un motore come lo rinpiazzi'
Le mie perplessita' sulle 800 sono il costo e come dici tu la fregatura dietro l'angolo.
Inizierei con una bella 3022 e due vetture 4027, non dovrei svenarmi.

Pierpaolo

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5605
Iscritto il: sabato 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Contatta:

Messaggio da leggereda fumettino » venerdì 7 agosto 2009, 9:14

- Leggo solo in questo momento, rientrato a Roma, la discussione sulla 'pulitura' radicale dei binari in metallo (poi vedo che si è un pò dirottato su altri aspetti anche se inerenti ai binari) - Io ho sempre utilizzato solo quelli della serie M e mi è capitato anche di acquistarne alcuni usati dopo la loro 'nefanda sparizione' dal mercato.
- Per la loro PULIZIA 'a fondo' ho applicato ogni volta la medesima tecnica: SAPONETTA da bagno ad uso umano, ultraclassico SPAZZOLINO da unghie e OLIO DI GOMITO a volontà. Quando non avevo un impianto fisso, e dopo un pò che ci giocavo sul pavimento di casa, li lavavo tutti prima di riporli nelle loro scatole. Pensate a quanti lavaggi avranno subito nella loro più che cinquantennale vita. Mai successomi nulla di catastrofico.
- Dopo la totale immersione in acqua per la sciacquatura, sempre utilizzando anche lo spazzolino di cui sopra, per l'asciugatura, come gia letto in altra risposta, pongo il tutto sul CALORIFERO in inverno e al SOLE durante l'estate. Per i pezzi 'elettromagnetici' utilizzo solamente lo spazzolino umido e leggermente insaponato risciacquando poi nello stesso modo, solo spazzolino, senza logicamente l'immersione totale. In questo ultimo caso però personalmente utilizzo subito un compressore d'aria per l'eliminazione 'veloce' dell'eventuale umidità residua interna. Stesso sistema utilizzo quando il calorifero è spento e il Sole non fa capolino fra i palazzi. Ma a Roma sono giornate rare e in questi casi si può anche soprassedere dal lavaggio e farlo... il giorno dopo. Per concludere, e restando sul restauro dei binari, con un pennarello nero del tipo 'permanent' ritocco poi i sempre presenti graffietti causati dallo svio dei carrelli sulle traversine.
- Per riassumere: SAPONETTA, SPAZZOLINO, OLIO DI GOMITO - E tutto torna nuovo come prima, almeno i miei.
- Buona giornata. Nei momenti liberi... ho solo fantasia di non fare nulla! Mi piace sudare e basta.
Maurizio, Roma

livesteam68
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1453
Iscritto il: giovedì 18 ottobre 2007, 13:05
Nome: Daniele Ansaloni
Località: Emilia Romagna, Modena, Modena
Contatta:

Messaggio da leggereda livesteam68 » venerdì 7 agosto 2009, 23:01

Pierpaolo,
in genere sono più comuni gli scambi elettrici di quelli manuali anche per i binari a terza rotaia continua, la maggior parte sono elettrici. Quasi tutti i miei M, compresi quelli coi puntini, sono elettrici, mi sono dovuto sforzare per trovare quelli manuali, giusto perchè sono belli i loro levismi.
Non ti preoccupare per l'affidabilità delle bobine, in quelli a terza rotaia sono ben sovradimensionate, non è un aspetto di cui preoccuparsi se li tratti bene.

Nella foto binari appena puliti e collocati nella prima rimessa

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 364,43 KB</font id="size1">

Daniele

Avatar utente
eroncelli
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 4936
Iscritto il: domenica 27 aprile 2008, 14:42
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Contatta:

Messaggio da leggereda eroncelli » sabato 8 agosto 2009, 13:27

Se ti posso essere utile:
1) Marklin ha in vendita sul suo sito la replica del catalogo 1937/38 con il materiale in scala 00 (mi pare 60 €)
2) ho una copia digitale del catalogo Marklin del 1935 ed un altro del 1937 con pezzi del "meccano" per fare i ponti e le spirali per i trenini (sono file da 20Mb ed al momento non ho capito come metterli sul sito).
Buone vacanze
Eugenio

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » sabato 8 agosto 2009, 14:10

Magari si potessero consultare le pagine dei cataloghi anni 30 . Chi puo' aiutare Eugenio farebbe cosa graditissima a molti.
Grazie

Pierpaolo

Avatar utente
Admin
Amministratore forum
Messaggi: 11588
Iscritto il: martedì 1 novembre 2005, 22:05
Nome: Tito Myhre
Località: Lombardia,Milano,Arese
Contatta:

Messaggio da leggereda Admin » sabato 8 agosto 2009, 20:31

è sufficiente inviarmeli [B)] anche tramite servizi tipo "gigamail"

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 9 agosto 2009, 8:28

Ecco l'evidente insuccesso del mio lavaggio fatto in acqua tiepida e det liq per piatti. e' stato in ammollo per circa 5 minuti e' poi ho usato spazzolino e spugna morbida.

L'insuccesso e' evidente[:(][:(][:(] vernice saltata

Pierpaolo

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 137,89 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 169,08 KB</font id="size1">

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5605
Iscritto il: sabato 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Contatta:

Messaggio da leggereda fumettino » domenica 9 agosto 2009, 10:26

- A mio avviso è stato il detersivo per piatti che ha causato il disastro. E' troppo 'forte' - Come ho avuto modo di dire in un mio precedente intervento, io come detergente uso la SAPONETTA classica con la quale mi lavo abitualmente il viso e il corpo. Ho quasi gli stessi anni dei binari Marklin e... a me non mi si è mai 'scorticato' niente!
- Il sapone troppo agressivo rovina tutto. Avete mai fatto caso ai piatti 'decorati' lavati in lavastoviglie? Dopo pochi mesi le decorazioni sono gia parzialmente andata via. E che dire della pubblicità TV di alcuni prodotti dove una teglia da forno incrostata... torna per magia come nuova? Quello NON è sapone o detergente, quello è ACIDO MURIATICO diluito! - E' per questo 'lava bene' !
- Prova quindi con una 'Camay' quella che una volta in un noto Carosello recitava... con profumo francese da 10.000 lire al boccettino. Poi mi farai risapere, tanto per curiosità.
- Comunque lo avevo gia scritto: SAPONETTA - SPAZZOLINO PER UNGHIE - OLIO DI GOMITO. Se non mi leggete... che parlo a fare?

Dai che fra un paio d'ore qui si schiatterà di caldo. Ora sono solo le 10:20 e l'Agosto si sopporta ancora benino.
Ciao, Maurizio Roma

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 9 agosto 2009, 10:39

Fra i tanti rimedi ne ho provato uno ed e' andata come andata, ho comunque messo poche gocce non mezzo flacone. Figuriamoci se usavo il Cillit Bang.
Ok Maurizio il prossimo giro faro' come dici tu e speriamo bene se non salta l'idea del layout a terza rotaia continua e passo agli M nuovi.

Vado a fare il bucato e ci risentiamo piu' tardi
Ciao

Avatar utente
fumettino
Märklinista
Messaggi: 5605
Iscritto il: sabato 14 marzo 2009, 19:57
Nome: Maurizio
Località: Lazio, RM, Roma
Contatta:

Messaggio da leggereda fumettino » domenica 9 agosto 2009, 11:12

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext"><font color="red">electrro30 ha scritto: </font id="red">

(omissis) ... ho comunque messo poche gocce non mezzo flacone.
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

- ... poche gocce ma probabilmente concentrate e versate direttamente sul binario o sulla spugna. Forse diluite prima dell'uso, il risultato migliorava. In fin dei conti 'al naturale' certi prodotti si usano solo su quelle teglie incredibilmente incrostate delle quali parlavo prima.
- Dimenticavo una cosa nel discorso fatto precedentemente sulla "bontà" degli attuali detergenti. Avete mai pensato al perché le nostre Consorti si lamentano spesso per lo Loro mani più o meno 'rovinate'? - E perché si vendono 'guanti di gomma' per lavare i piatti e fare pulizie varie? Credete sia per 'bellezza' o perché si corre il rischio di vedersele pian piano sciogliere negli acidi dei prodotti 'moderni' che acquistiamo? I 'guanti' non sono stati forse messi in commercio quasi contemporaneamente ai prodotti chimici per le pulizie di casa? Non sciacquando bene piatti posate e simili immaginate un pò cosa andiamo ad ingerire - E ingerisci oggi e ingerisci domani..., poverino, stava così bene, ma all'improvviso: KAPUT!
E si sente una voce in lontananza che domanda E ORA CON TUTTI QUESTI TRENI CHE CI FACCIAMO? Io direi di fare gli scongiuri.

OK? Allora ancora un saluto e mi fermo qui. Maurizio Roma

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 9 agosto 2009, 11:14

Terzo tentativo. Acqua tiepida, 2 gocce sapone liq uso umano, 1/2 misurino acqua di rose Roberts, spugna morbida.
Leggerissimo strofinio. Il risultato e' nettamente migliore e meno invasivo del precedente con spazzolino ed detersivo. Anche se le foto sono state scattate con luminosita' differente e' evidente la maggiore lucenteza del binario.

Chiudo questo post perche' ne apriro' uno specifico sulla conducibilita' elettrica e reperibilita' dei binari detti 00.

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 186,5 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 223,53 KB</font id="size1">

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 9 agosto 2009, 11:35

Precisazioni prima di chiudere. Per Maurizio: detersivo (poco) diluito in bacinella. Per Daniele, dalla foto che alleghi e lo splendido stato dei binari dopo remake mi fa pensare che fossero gli ultimissimi prodotti e comunque in condizioni generali gia' ottime prima del lavaggio.
L'ultima foto che posto evidenzia la differenza della verniciatura tra M a punti e M 00. Sui primi il trattamente e' piu' lucido con vernice sicuramente piu' di qualita' di quella degli anni 50 ed ottenere lo stesso risultato per me e' inpossibile con un lavaggio. Forse con una nuova riverniciatura ma....

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 135,93 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 138,45 KB</font id="size1">
Ciao a tutti
Pierpaolo

livesteam68
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1453
Iscritto il: giovedì 18 ottobre 2007, 13:05
Nome: Daniele Ansaloni
Località: Emilia Romagna, Modena, Modena
Contatta:

Messaggio da leggereda livesteam68 » domenica 9 agosto 2009, 12:19

In effetti si tratta di binari che sono tutti o in ottimo o in uno stato più che decoroso, ma dopo il lavaggio sono molto più belli, perchè viene eliminata quella patina un po' scura di sporco che si è formata in tanti anni.
Di preferenza uso un delicato sapone per le mani ma non ho mai avuto problemi neanche col sapone per piatti, che diluisco al 50%.
E' strano quell'effetto come di ruvido sulle tue traversine, che invece dovrebbero essere assolutamente liscie. Prova con un sapone delicato e soprattutto una spugna NON abrasiva, è fondamentale, poi bisognerebbe sapere quali passate traversie hanno subito i tuoi binari.
Facci sapere.

Daniele

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 9 agosto 2009, 14:09

Furono acquistati in blocco anni fa, quindi non so cosa hanno passato. E' certo che come tu hai subito notato la verniciatura e' opaca e ruvida anche dopo lavaggio con spugna morbida e non abrasiva.

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 90,92 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>
Immagine
<font size="1"> 130,21 KB</font id="size1">
Posto due foto del retro di due binari 00 dove si nota la diversa coloritura e marcatura rossa Marklin su quelli piu' anziani e incolare senza marcatura di quelli forse dell'ultima produzione. Se qualcuno sa in base a questo particolare definere anno di costruzione farebbe cosa molto gradita.

livesteam68
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1453
Iscritto il: giovedì 18 ottobre 2007, 13:05
Nome: Daniele Ansaloni
Località: Emilia Romagna, Modena, Modena
Contatta:

Messaggio da leggereda livesteam68 » domenica 9 agosto 2009, 14:52

Non ti so dire quale delle due serie sia più vecchia e quindi la loro datazione precisa; ho visto su un vecchio catalogo di quotazoni Koll (ma non ricordo di che anno) la distinzione tra le varie serie di binari M.
Per esperienza però ti posso dire che esistono almeno le seguenti varianti:
- fondo grigio con isolatori alle estremità bianchi e rotaie in lamierino
- fondo nero con isolatori alle estremità bianchi e rotaie in lamierino
- fondo nero con isolatori alle estremità trasparenti e rotaie in lamierino
- fondo nero con isolatori alle estremità bianchi e rotaie in ottone pieno
- fondo nero con isolatori alle estremità trasparenti e rotaie in ottone pieno
Forse c'è qualche altra variante ma non li ho sottomano al momento.
Ovviamente i più rari sono quelli in ottone pieno (hanno sempre le rotaie esterne brunite)
In ogni caso è sempre materiale che ha compiuto i 50 anni, nel '56 c'era già l'alternativa dei più moderni M standard coi puntini.

Quelli della foto nella rimessa in particolare sono a fondo nero e rotaie in lamierino.

Daniele

Avatar utente
electrro30
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1122
Iscritto il: domenica 26 luglio 2009, 13:16
Località: Puglia
Contatta:

Messaggio da leggereda electrro30 » domenica 9 agosto 2009, 15:18

Grazie alle tue indicazioni Daniele sono riuscito a capire che tutti i binari in mio possesso a fondo nero con marcatura Rossa ^ Marklin Germany^ sono con rotaie in ottone pieno brunito. Quindi sicuramente sono i piu' anziani e rari.
Grazie
Pierpaolo


Torna a “Märklin in generale”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite