Ben arrivato! Ti prego fare login o registrati per fruire di tutte le funzionalità del forum.

Curiosa scoperta sui vecchi Delta in scala 1

I giganti e i microbi
Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
attiliohary
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1623
Iscritto il: 25 novembre 2011, 1:52
Nome: Attilio Hary
Località: Biella- Piemonte
Stato: Non connesso

Curiosa scoperta sui vecchi Delta in scala 1

#1 Messaggio da attiliohary » 20 febbraio 2014, 23:49

Oggi ho iniziato le prove della famosa "CSX" con tutti e tre i miei bestioni in scala 1.
E qui sono cominciate le sorprese .....
Con i regolatori a zero e senza loco sui binari, il tester mi indicava sui binari, una tensione di 22/23 volts .... ho fatto un salto sulla sedia! Probabilmente si tratta di radiofrequenza emessa dai varioluce, che però non riesce nemmeno a far illuminare una lampadina da 1 watt.
La tensione salta subito a 40/42 volts alla massima potenza e addirittura a 53/54 durante l'inversione.
Provo a mettere in parallelo una lampadina da auto, e subito i valori di tensione rientrano nei ranghi. Non ho ancora fatto il confronto con un trafo Marklin, però alla massima potenza la tensione non supera gli 11 volts, anche con tre locomotive in tripla trazione.
Mi sono tenuto dalla parte della ragione con le tensioni nominali, ma comunque l'assorbimento del tracciato si fa sentire.
E qui la prima sorpresa! Anche se equipaggiate con i decoder 6603, le locomotive, se al momento dell'inversione sono lontane dai punti di alimentazione, scattano in avanti a forte velocità ..... e io che pensavo che fosse colpa della molla dell'invertitore!
Alla fine mi trovo con le tensioni effettive, più basse di un paio di volts, rispetto a quelle necessarie.
Per la marcia, la differenza è poco rilevante, per l'inversione ho il dubbio se mettere un trafo un po più brioso come voltaggio, piuttosto che come potenza erogata.
La locomotiva giocattolo piccolina, fila che è un piacere, il Diesel è un po' più tranquillo .... la BR80 soffre di pigrite acuta: avrà bisogno di una manutenzione profonda al motore....

Alcuni giorni fa avevo fatto una scoperta curiosa:
Come già accennato in altra discussione, le ruote in scala 1 sono isolate tra loro, essendo il sistema a 2 rotaie, però le ruote di un lato sono collegate elettricamente allo chassis della loco.
Io ho considerato queste ruote come riferimento di massa e, operando in continua, le ho collegate al polo positivo, come avviene in tutto il mondo digitale.
La scoperta curiosa è stata che i led delle luci di marcia, in alternata funzionano perfettamente e commutano regolarmente all'inversione di marcia. In corrente continua, invece, non si accendono del tutto!
Mi ero proposto di aprire le loco e verificare, quando ho fatto un'altra scoperta, ancora più strana.
Girando fisicamente la locomotiva nel senso opposto di marcia, la locomotiva, se alimentata in continua, è completamente morta!
Credo che questo sia da attribuire alle caratteristiche peculiari del 6603, che pur essendo, appunto, digitale, è nato in ambiente di corrente alternata.
In alternata, come è facile immaginare, tutto regolare!

I test, gli esperimenti e soprattutto le mie imprecazioni, continuano imperterrite!

ciao a tutti

T&P

Rispondi