Binari Serie M

Moderatori: Dampflok, Schnellzug

Rispondi
Avatar utente
Fede52
New Märklin Supporter
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 5 settembre 2018, 18:40
Nome: Federico Biondi
Località: Marche Ancona Senigallia
Stato: Non connesso

Binari Serie M

Messaggio da Fede52 » domenica 16 settembre 2018, 12:17

Cari Amici,

in un lotto di materiale prevalentemente nuovo (binari serie M) ho trovato i due binari riprodotti nelle foto allegate.
Sono diversi dagli altri e più curati.
Qualcuno può, per favore, dirmi cosa sono?
Posso usarli con gli altri binari serie M?
Grazie a tutti.
Federico
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Torrepisana
Junior Märklin Supporter
Messaggi: 830
Iscritto il: sabato 6 aprile 2013, 18:29
Nome: Funai Romens
Località: Estero Germania Weilheim-Teck
Stato: Non connesso

Binari Serie M

Messaggio da Torrepisana » domenica 16 settembre 2018, 18:41

Se hanno il puko si,ma sembrano per il sistema Hamo (DC).
Romens.

Avatar utente
Fede52
New Märklin Supporter
Messaggi: 11
Iscritto il: mercoledì 5 settembre 2018, 18:40
Nome: Federico Biondi
Località: Marche Ancona Senigallia
Stato: Non connesso

Binari Serie M

Messaggio da Fede52 » martedì 18 settembre 2018, 18:25

Grazie mille.
Non conoscevo l' Hamo.

Avatar utente
supermoee
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 4340
Iscritto il: mercoledì 15 novembre 2006, 13:24
Nome: Stefano
Località: SO Svizzera
Stato: Non connesso

Binari Serie M

Messaggio da supermoee » martedì 18 settembre 2018, 18:37

Ciao,

si tratta del Modellgleis 3800 - 3900 del 1953. Tali binari sono stati prodotti dalla Märklin in collaborazione con la francese Vollon et Brun che a loro tempo lo vendevano anche per conto loro in francia e sul mercato internazionale. Era un binario più sofisticato ibrido tra plastica e metallo con raggi di curvatura ben più ampi del convenzionale binario M serie 3600. Non ebbe successo per motivi economici e di spazio.

Quelli della Märklin non avevano il fondo rosso. Dalle macchie rosse deduco che qui qualcuno ci ha lavorato su con un compound isolante.

saluti

Stefano
Questo contributo può contenere, oltre al parere dell' autore, parte di opinioni ed informazioni tratte da terzi e/o da stampe e/o manuali ed altri mezzi mediatici

Rispondi