Ben arrivato! Fate login o registratevi per fruire di tutte le funzionalità del forum e del sito.
Se eri già registrato e non ti ricordi la password usa questo link per recuperare l'accesso
Sito e forum dedicati al fermodellismo a tre rotaie gestito da appassionati senza fini commerciali. Qui trovate notizie storiche e suggerimenti tecnici per i vostri modelli vintage e moderni. Il nostro hobby viene praticato in molte maniere diverse, tutte ugualmente valide: hai un plastico? oppure sei un collezionista? oppure un semplice appassionato? Non esitare a scrivere nel forum, tutti gli interventi sono benvenuti ... Postate foto e video del vostro plastico e chiedete aiuto per ogni problema o curiosità inerente al nostro hobby.

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

L'antico ed il nuovo

Moderatore: Dampflok

Rispondi
Messaggio
Autore
Avatar utente
grigiofumo
New Märklin Supporter
Messaggi: 4
Iscritto il: 8 marzo 2020, 19:07
Argomenti: 2
Nome: Germano Gasparini
Località: Lombardia, Bergamo, Stezzano
Hai ringraziato: 1 volta
Sei stato  ringraziato: 0
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#1 Messaggio da grigiofumo » 14 marzo 2020, 18:01

Salve a tutti, sono nuovo del forum mi chiamo Germano sono originario di Venezia ma vivo da moltissimi anni in Lombardia. Da bambino (primissimi anni '60) mi fu regalato un treno Märklin con rotaie M composto da:
* locomotiva 3000 con numero 89005 (credo sia la primissima o una delle prime versioni prodotte, visto il numero)
* tre vagoni passeggeri 327/1 con stampigliatura della classe viaggiatori "3"
* locomotiva 3029 (purtroppo non funzionante)
* una ventina di binari curv1 M 5100 in due versioni: con contattiera centrale per il pattino continua e con contattiera discontinua
* una quindicina di binari dritti M 5106 anch'essi in due versioni come i binari curvi
* 3 scambi manuali M 5121 con deviazione a destra + 3 scambi manuali M 5121 con deviazione a sinistra
* un incrocio a X M 5114
* tre terminali di binario morto
* 2 binari curvi di alimentazione (quelli da collegare al trasformatore) M 5103, anch'essi in due versioni con diverso contatto centrale (uno continuo e l'altro discontinuo)
* un trasformatore 16VA azzurro
A completamento, due vagoni merci HO che però sono Rivarossi (ma erano compatibili come aggancio)

Il tutto era passato in possesso di mio fratello (glielo avevo dato per mio nipote) che, vivendo a Venezia, lo teneva conservato in una cantina (magazzino) a piano terra normalmente indenne dall'acqua alta. Purtroppo, l'evento eccezionale del 12 novembre scorso ha allagato parzialmente la cantina di mio fratello, andando a bagnare lo scatolone di cartone dove era conservato il treno. Mio fratello voleva buttarlo (!!!!!!) ma io l'ho convinto a ridarmi il tutto per vedere cosa si potesse salvare. Il trasformatore era andato completamente sommerso per cui - non fidandomi - l'ho purtroppo dovuto buttare. La locomotiva 3000 era conservata nella scatola originale della locomotiva 3029 e il grosso alloggio in polistirolo è stato provvidenziale, la locomotiva era solo leggermente inumidita nella parte anteriore esterna. Le rotaie erano tutte conservate nelle loro confezioni originali (in cartone verde) ma purtroppo l'involucro dei binari morti è stato completamente distrutto dall'acqua salata, sono riuscito invece a salvare quasi tutti gli altri involucri. I danni alle rotaie sono principalmente costituiti da un leggero deposito di ruggine (che penso si possa risolvere abbastanza agevolmente) ma purtroppo in qualche elemento è saltata la decorazione esterna della massicciata, esponendo il metallo grezzo sottostante (perfettamente lucido, senza segni di ruggine). Sugli elementi di binario terminale c'è un deposito di salsedine ma potrebbe essere anche un danno del tempo al metallo. La 3029 purtroppo è in cattivo stato: la copertura esterna in plastica non è più fissata al corpo della locomotiva (si sono rotti gli agganci) e temo ci siano dei danni anche alla meccanica. Anche dei tre vagoni passeggeri solo uno è in uno stato accettabile; due presentano importanti segni di ruggine sulla copertura e l'acqua salata ha purtroppo quasi cancellato le scritte su uno dei vagoni.

Ora stavo cercando di recuperare in qualche mercatino un modello originale del trasformatore da 16VA (a proposito: è consigliabile?) per poter provare il tutto e vedere se (come spero) almeno la loco 3000 è tuttora funzionante.

Per il materiale danneggiato, c'è modo di restaurarlo o non ne vale la pena?

Allego qua alcune foto del tutto.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
eroncelli
Märklinista
Messaggi: 5369
Iscritto il: 27 aprile 2008, 14:42
Argomenti: 393
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Hai ringraziato: 2 volte
Sei stato  ringraziato: 7 volte
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#2 Messaggio da eroncelli » 14 marzo 2020, 18:24

Beh, tutto sommato dopo essere stati sott'acqua (sporca !), non sono messi male.
La loco che non va, per me può essere fatta ripartire: sul sito ci sono molti interventi per pulire una loco Maerklin, perché, dovresti saperlo, sono indistruttibili :muscle: :muscle:
Eugenio
(Töcc i òmen e fómne i nàs lìberi e compàgn in dignità e derécc)

Avatar utente
grigiofumo
New Märklin Supporter
Messaggi: 4
Iscritto il: 8 marzo 2020, 19:07
Argomenti: 2
Nome: Germano Gasparini
Località: Lombardia, Bergamo, Stezzano
Hai ringraziato: 1 volta
Sei stato  ringraziato: 0
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#3 Messaggio da grigiofumo » 14 marzo 2020, 18:32

Grazie per la risposta vedo che siamo vicinissimi :)

Per la 3029 temo che il problema sia più serio perché mio fratello mi ha detto che non funzionava già da prima di finire sott'acqua e in effetti, togliendo la copertura, ho l'impressione che ci sia qualche problema sia sulla parte meccanica (il meccanismo in testa alla locomotiva mi sembra danneggiato, vedi foto) e probabilmente anche sulla parte elettrica ci sono dei problemi.

Mi piacerebbe poter restaurare in qualche modo l'aspetto dei vagoni passeggeri, per quanto possibile (adesso che siamo fermi per forza maggiore, un po' di tempo grazie al cielo ce l'ho...)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
eroncelli
Märklinista
Messaggi: 5369
Iscritto il: 27 aprile 2008, 14:42
Argomenti: 393
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Hai ringraziato: 2 volte
Sei stato  ringraziato: 7 volte
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#4 Messaggio da eroncelli » 14 marzo 2020, 19:11

Ho visto di peggio :ridi:
Citazione da Frankenstein Junior: si .. può ... fareeeee ...
Eugenio
(Töcc i òmen e fómne i nàs lìberi e compàgn in dignità e derécc)

Avatar utente
eroncelli
Märklinista
Messaggi: 5369
Iscritto il: 27 aprile 2008, 14:42
Argomenti: 393
Nome: Eugenio Roncelli
Località: Bergamo
Hai ringraziato: 2 volte
Sei stato  ringraziato: 7 volte
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#5 Messaggio da eroncelli » 14 marzo 2020, 19:13

Ho visto solo ora che abiti a Stezzano: appena si potrà circolar di nuovo, vediamo di rimetterla in servizio :muscle:
Eugenio
(Töcc i òmen e fómne i nàs lìberi e compàgn in dignità e derécc)

Avatar utente
ansemo
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 1392
Iscritto il: 17 novembre 2006, 10:36
Argomenti: 69
Hai ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 1 volta
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#6 Messaggio da ansemo » 15 marzo 2020, 12:46

Purtroppo è il bagno in acqua salata che mi preoccupa, temo che non sarà facile, ma forse nemmeno impossibile.
Premesso che sono oggetti di scarsissimo valore, il particolare momento che attraversiamo può aiutare psicologicamente ad attivarsi per tentare l'operazione.
Prima di tutto ci vuole un trasformatore, il modello a 16 VA va bene, e se ne trovano a prezzi bassi sui siti di aste on line. Accertati che sia a 220 Volt, che dichiarino che sia funzionante, non importa se ha la scatola e, se mi posso permettere di darti una mia opinione, non pagarlo più di 15 € più le spese postali.
Detto ciò, la prima cosa da fare sarebbe smontare le locomotive, almeno il rotore, ma non so se sei in grado.
Quindi proviamo con soluzioni più semplici.
Togli le spazzole (carboncino e rame), che sono tenute in sede da una molletta estensibile, poi prova a fare scorrere con le dita le ruote. Se girano è già un buon segnale. Poi dai fori di alloggiamento delle spazzole spruzza all'interno con uno spray per pulire i contatti elettrici e dopo circa un minuto continua a far girare le ruote per un breve tempo, in modo che il liquido possa raggiungere più componenti possibile. Pulisci le spazzole da eventuale morchia con uno sgrassante imbevuto in uno straccio pulito e senza pelucchi, e poi rimontale. Indi controlla che le ruote girino, anche se troverai più attrito facendole scorrere con le dita.
Passiamo al relè, premi sulla levetta anteriore manualmente, e prova a verificare che vi sia il ritorno all'indietro grazie alla molla, perchè è indispensabile che ciò avvenga. Se così non fosse, necessita controllare la tensione della molla e/o che il nottolino con la ruota dentellata sulla sommità giri e non sia bloccato. Anche in questo caso, se è bloccato, provare con il medesimo spray di prima, lasciandolo agire per qualche minuto.
Se non si riscontrano problemi meccanici, passa a lubrificare con olio da macchina da cucire (o altro lubrificante a bassissima densità) le boccole del rotore e i perni degli ingranaggi, torna a togliere le spazzole e fai girare le ruote affinchè l'olio raggiunga tutte le parti in movimento che potrebbero fare attrito, pulisci le ruote e il pattino con la apposita gomma (se ne trovano dai ferramenta) o con carta abrasiva finissima, e a questo punto bisogna aspettare il trasformatore per le prove elettriche.
Nel frattempo cerca di pulire al meglio le eventuali ossidazioni esterne su bielle ecc.
Per i vagoni, al di là di una sommaria pulita, direi che c'è poco da fare, mentre le rotaie vanno altresì pulite sui binari con la stessa metodologia delle ruote, previo un lavaggio con acqua dolce e detersivo usando un vecchio spazzolino da denti, e subito dopo asciugandole, altrimenti fanno la ruggine.
Direi che ho detto tutto, se altri hanno qualche suggerimento in più, ben venga, due teste sono meglio di una.
Buon lavoro.

Avatar utente
fulvio
Senior Märklin Supporter
Messaggi: 4655
Iscritto il: 9 ottobre 2009, 22:15
Argomenti: 159
Nome: Fulvio Babuder
Località: Noventa Padovana(Padova)
Hai ringraziato: 4 volte
Sei stato  ringraziato: 10 volte
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#7 Messaggio da fulvio » 15 marzo 2020, 15:31

Oltre i consigli degli amici sarebbe meglio acquistare il trafo 6647 (bianco) perchè molto sicuro al dispetto di quelli blu.
Salutoni

Avatar utente
AndreaE636
Märklin Supporter
Messaggi: 154
Iscritto il: 7 agosto 2015, 16:09
Argomenti: 24
Nome: Andrea
Località: Genova
Hai ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 1 volta
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#8 Messaggio da AndreaE636 » 15 marzo 2020, 16:35

Ciao a tutti,

se sei riuscito nelle opere di pulizia e di sblocco delle cascata di ingranaggi, tanto per vedere se gira il motore, nell'attesa di un trasformatore degno di quel nome, puoi provare anche con un normalissimo trasformatore da campanelli a 12 volt forse più facilmente reperibile in questo momento di blocco degli spostamenti
AndreaE636
Genova

Avatar utente
grigiofumo
New Märklin Supporter
Messaggi: 4
Iscritto il: 8 marzo 2020, 19:07
Argomenti: 2
Nome: Germano Gasparini
Località: Lombardia, Bergamo, Stezzano
Hai ringraziato: 1 volta
Sei stato  ringraziato: 0
Stato: Non connesso

Ho recuperato il mio treno Märklin rotaie M primissimi anni 60

#9 Messaggio da grigiofumo » 27 marzo 2020, 15:58

Grazie a tutti per i consigli - so che il valore di questo treno è principalmente sentimentale e non economico e purtroppo il tutto è rovinato un po' per la scarsa cura che ha avuto mio fratello nel tempo e poi per l'acqua alta - che non ha sommerso del tutto lo scatolone per fortuna ma solo la parte inferiore, motivo per cui la 3000 è rimasta sostanzialmente asciutta. Le ruote della 3000 girano senza difficoltà e anche tutta la parte interna sembra non aver subito danni (perlomeno non visibili) dall'acqua salata. I pezzi che sono andati "sotto" sono come detto il trasformatore 16VA (buttato senza esitazione), i terminali di binario morto e alcune rotaie, nonché un paio di vagoni passeggeri. Il resto che era più in alto nello scatolone ha risentito più dell'umidità circostante che altro. Credo che per il trasformatore prenderò un modello più recente, soprattutto per motivi di sicurezza. Avevo già dato una passata ai binari con carta abrasiva finissima per togliere ogni traccia di ruggine (alcuni sono tornati puliti, altri un po' meno ma darò una seconda passata). Mi spiace per quei binari dove lo strato decorato è saltato - temo che lì non si possa far nulla ma ho visto che non dovrebbe essere difficile reperirne dello stesso modello (fortunamente sono solo due o tre pezzi a essere danneggiati).

Rispondi